lunedì 5 giugno 2017

Polpettine di lenticchie, caprino e pomodori secchi

Le polpettine per me sono un ottimo salva cena, si preparano in pochi minuti e posso improvvisare con gli ingredienti che ho in casa. Mi piacciono un po' in tutti i modi, anche se ultimamente prediligo quelle vegetariane. Ne approfitto perché piacciono a tutta la famiglia, sono sane e accompagnate da un contorno di verdure costituiscono una cena equilibrata e genuina.
Queste sono di lenticchie, c'ho abbinato un caprino, qualche pomodoro secco reidratato, qualche fogliolina di menta e un po' di pane. Essendoci già molta umidità, data dalle lenticchie e dal caprino, ho potuto evitare anche di mettere l'uovo, così sono risultate ancora più leggere!

Ingredienti:
1 lattina di lenticchie
1 caprino fresco da 80 gr
4 pomodori secchi
1 fetta di pancarrè 
5 foglie di menta
2 cucchiai di parmigiano grattugiato
Pane grattugiato
Sale
Olio e.v.o.

Procedimento:
Mettere i pomodori secchi a reidratare nell'acqua per circa mezz'ora. Scolare le lenticchie, sciacquare sotto l'acqua corrente e lasciar sgocciolare per bene. 
Frullare grossolanamente le lenticchie, in modo che non diventino proprio una crema.
Grattugiare anche il pancarrè insieme alle foglie di menta e ai pomodori secchi.
Trasferire in una terrina e mescolare con le lenticchie e con il caprino. Salare, pepare e aggiungere il parmigiano grattugiato.
Con l'impasto formare delle palline, passarle nel pane grattugiato (io lo mescolo sempre con dei semi di sesamo). 
Disporre le polpettine sulla carta forno, irrorare con olio extra vergine d'oliva e infornare a 180 gradi per 20 minuti circa.


domenica 4 giugno 2017

Torta al cocco con latte di mandorla e pesche

Pensando ad un abbinamento estivo per un dolce soffice da colazione, m'è venuto in mente il cocco, che utilizzo pochissimo in cucina. C'ho visto bene abbinate le pesche, frutto estivo per eccellenza e avendo in casa del latte di mandorla ho pensato fosse l'abbinamento perfetto! 
Secondo me lo è stato ed è stato super apprezzato dal mio bambino e anche dal maritino..
Per colazione ci abbiamo abbinato un estratto di frutta fresca fatto con pesche, pere, fragole e limone, davvero super! 

Ingredienti:
150 gr di cocco rapé (o farina di cocco)
150 gr di farina (io metà di riso e metà integrale) 
2 uova
150 ml di latte di mandorla
1 bustina di lievito 
100 gr di zucchero (io di canna)
50 ml di olio di semi 

Procedimento:
Sbattere le uova con lo zucchero e l'olio di semi. Aggiungere il latte di mandorla e mescolare bene.
Poco per volta incorporare la farina e il lievito setacciati. Infine aggiungere il cocco grattugiato o la farina di cocco.
Se l'impasto risultasse troppo compatto aggiungere un po' di latte di mandorla. 
Versare il composto in una tortiera e decorare con le pesche precedentemente tagliate a spicchi sottili.
Cuocere in forno a 180 gradi per 50 minuti circa.
Far raffreddare 20 minuti, togliere dalla tortiera e spolverizzare con zucchero a velo.



giovedì 1 giugno 2017

Penne di segale con zucchine, pomodori secchi, uvetta e pesto di rucola

Dicono che il caldo faccia passare la fame...dicono....ma perché a me non è mai successo?
Sarà che quest'anno devo mangiare per due e ho un forte richiamo per i carboidrati, ma a me la pasta piace sempre troppo, e in abbondanza!
Non è la prima volta che provo questo condimento, rispetto alla scorsa volta ho cambiato soltanto il pesto, di rucola anziché di basilico.
Alle penne di segale Del Moro si abbina molto bene, io trovo siano eccezionali e si abbinino molto bene con condimenti a base di verdure.
(Se volete maggiori informazioni riguardo a questa pasta stupenda visitate il sito al link indicato)

Ingredienti:
2 zucchine piccole
1 cucchiaio di uva passa
1 cucchiaio di pinoli
2 acciughe
1 spicchio d'aglio
5 pomodori secchi
1 mazzetto di rucola
4 foglie di basilico
olio extra vergine d'oliva q.b.


Preparazione:
Mettete uvetta e pomodori secchi a reidratare nell'acqua.
Preparare il pesto tritando la rucola, precedentemente ben pulita, insieme a  mezzo cucchiaio di pinoli e all'olio extra vergine d'oliva.
In una padella soffriggere con un filo d'olio lo spicchio d'aglio e le acciughe, finché si saranno sciolte.
Aggiungere le zucchine tagliate a cubetti, far cuocere cinque minuti ed aggiungere i pomodori secchi tagliuzzati, l'uva passa e i restanti pinoli.
A cottura terminata della pasta, scolare e trasferire nelle verdure, aggiungendo il pesto di rucola.
Amalgamare bene gli ingredienti e servire.




sabato 20 maggio 2017

Crostata con amaretti e marmellata di albicocche

Abbinamento pazzesco...non mi viene da dire altro! Gli amaretti durante la cottura si sono amalgamati con la marmellata creando una crema, un ripieno davvero godurioso!
La frolla si sa..è così buona, doppio strato, doppia goduria! 
Quando preparo un dolce da portare a qualcuno, soprattutto quando si tratta di un nuovo esperimento, ho l'abitudine di prepararne una uguale, più piccola, da poter assaggiare prima, per accertarmi del risultato.



Ecco di seguito la ricetta:

Ingredienti per la frolla:
500 gr di farina bianca 00 (io ho usato metà farina di riso)
200 gr di burro
150 gr di zucchero a velo
3 tuorli
Estratto di vaniglia (io in polvere)
1 cucchiaino di sale 

Per il ripieno:
Amaretti q.b.
Marmellata di albicocche q.b.
Mezzo bicchiere di latte
1 cucchiaio di brandy

Procedimento:
Disporre la farina a fontana. Al centro aggiungere la zucchero, il sale, vaniglia, i tuorli e il burro a pezzetti (precedentemente ammorbidito).
Lavorare con le mani partendo dal centro, fino a quando l'impasto risulterà cremoso.
A questo punto sabbiare l'impasto (sbriciolarlo con le mani) e successivamente compattarlo per ottenere la classica palla.
Avvolgere l'impasto nella pellicola e mettere in frigorifero per un'ora.
Dividere l'impasto in due parti e stendere tra due fogli di carta forno.
Imburrare uno stampo e disporvi la frolla. Bucherellare con la forchetta, aggiungere la marmellata di albicocche e disporre gli amaretti.


Spennellare gli amaretti con un po' di latte e a piacere un po' di brandy. 
Coprire con l'altra frolla, sigillando bene i bordi.
Infornare a 180 gradi per 40 minuti circa. Ogni forno è diverso, perciò trascorsi i 30 minuti tenere sotto controllo la cottura.
Far raffreddare e coprire con zucchero a velo.




giovedì 4 maggio 2017

Carpaccio di rape rosse marinate agli agrumi con scalogno, fave fresche e feta greca

Nella mia cassetta di frutta e verdura biologica del venerdì c'erano due bellissime rape rosse. Erano così fresche e profumate che mi sembrava un vero peccato cuocerle! Ho pensato quindi di trasformarle in carpaccio, marinandole nel succo degli agrumi, aggiungendo dello scalogno, anch'esso marinato, delle fave fresche, un pizzico di feta greca sbriciolata e qualche foglia di maggiorana.
Il risultato è stato eccellente, un piatto unico per una cena leggera, ciò di cui abbiamo bisogno dopo i bagordi della Pasqua! 
Le rape sono rimaste croccanti ma piacevolmente masticabili, la scelta degli ingredienti che ho scelto di abbinare secondo me è stata azzeccata, hanno senz'altro esaltato la freschezza e la leggerezza di questo piatto! 


Ingredienti: 
2 rape rosse fresche 
1 arancia
1 pompelmo
1 limone
1 cucchiaio di zucchero di canna
sale
olio e.v.o.
fave fresche q.b.
feta greca q.b.
1 scalogno
foglie di maggiorana

Procedimento: 
Affettare le rape molto finemente (io l'ho fatto utilizzando un pela patate). Disporre le rape in un recipiente, salare, aggiungere lo zucchero di canna e coprire con il succo degli agrumi e un filo d'olio extra vergine d'oliva.
Affettare finemente anche lo scalogno e lasciare marinare il tutto per un'intera giornata.
Prima di servire scolare le rape (volendo il succo lo si può riutilizzare come condimento di altre verdure o di un risotto). Condire con l'aggiunta di un filo d'olio extra vergine d'oliva, qualche foglia di maggiorana, un pezzetto di feta greca sbriciolata e le rondelline di scalogno.
Ho aggiunto anche qualche fava fresca appena sgusciata, per dare un'ulteriore nota di freschezza e colore.
A piacere finire con un'abbondante macinata di pepe. 











mercoledì 3 maggio 2017

Plumcake di grano saraceno con le noci

Chi mi conosce sa che non sono una grande amante dei dolci, soprattutto di quelli elaborati. A torte con creme, panna, cioccolato, preferisco di gran lunga una classica crostata alla frutta o con una buona marmellata.
Mi piace però preparare dei dolci sani e leggeri da poter consumare a colazione, che non siano troppo grassi, che siano equilibrati e salutari.
Questo plumcake ne è un esempio, preparato completamente con farina di grano saraceno, con pochissimo zucchero (di canna) e poco olio di semi.
Il grano saraceno ha un gusto forte e particolare, bisogna amarlo, a me piace molto per il suo sapore grezzo e anche per la sua consistenza, un po' granulosa.

Ingredienti: 
200 gr di farina di grano saraceno
2 uova
50 gr di zucchero di canna
50 gr di noci sgusciate
40 ml di olio di semi
1 bustina di lievito

Preparazione:
Montare le uova con lo zucchero di canna e l'olio fino ad ottenere una consistenza cremosa.
Aggiungere il lievito, mescolando bene per non far formare grumi.
Incorporare poco per volta anche la farina e le noci.
Foderare uno stampo da plumcake con carta forno e versarvi l'impasto. (L'impasto non sarà morbido, sarà quindi da stendere e distribuire nella teglia con l'aiuto di una spatola)
Infornare a 180° per 35 minuti.





martedì 2 maggio 2017

Pipe rigate all'ortolana

Mettete un primo maggio piovoso, una mattinata per godersi casa, figlio, relax e...cucina, ovvio!
Ho svuotato il congelatore delle ultime provviste di verdure invernali rimaste, come verza, zucca, coste, cavolfiore...gli ho aggiunto qualche verdura di stagione, un po' di finocchietto e di basilico e ne è uscito un sughetto veramente eccezionale! 
Cottura lenta, sapori che si sono amalgamati alla perfezione e delle splendide pipe rigate integrali ad accogliere questo ragù vegetariano così ricco! 

Ingredienti:
1 cavolfiore romano piccolo
1 cipolla bianca
1/4 di zucca mantovana
1/2 verza
10 coste di biete 
2 carote
1 finocchio
1 zucchina
1 melanzana piccola
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
2 lattine di sugo, polpa
6 pomodori secchi
1/2 lattina di ceci
Finocchietto
10 foglie di basilico
Origano
1/2 lt di acqua
Sale, pepe

Procedimento:
Tanto è lunga la lista degli ingredienti e tanto è breve la spiegazione della preparazione! 
Tagliare le verdure a piccoli dadini, metterle tutte in padella, salare, pepare, aggiungere il concentrato di pomodoro e mescolare.
Aggiungere anche la polpa di pomodoro, il basilico, il finocchietto e coprire con l'acqua.
Far cuocere a fuoco lento con il coperchio per circa tre ore.
Otterrete a fine cottura un sugo dalla consistenza di un ragù, perché in cottura le verdure si sminuzzeranno al punto giusto.
Servire con un filo d'olio extra vergine d'oliva, magari anche piccante e a piacere con l'aggiunta di parmigiano o pecorino.